Questa mattina mi è capitato di seguire Coffee Break su La7, trasmissione che non amo particolarmente a causa della conduzione che trovo eccessivamente sarcastica.

Un passaggio mi ha colpito molto: Giorgio Airaudo (SEL) ha lamentato un atteggiamento eccessivamente “agonistico” da parte della maggioranza di governo. Ha poi aggiunto che: “non siamo mica in un reality, siamo in politica”.

Questa frase sul reality è molto importante, per come la vedo io. Ho sempre sostenuto infatti che la politica stia diventando sempre più “video politica”: la mediatizzazione è estrema. Abbiamo sia alla Camera sia al Senato degli eserciti di fotografi e di cameraman, abbiamo poi reti televisive che hanno in palinsesto trasmissioni di approfondimento politico da mattina a sera e talvolta sera inoltrata, per poi ripartire con le repliche a notte fonda delle trasmissioni della mattina prima.

La politica è cioè talmente esposta, talmente sottoposta ad un monitoraggio mediatico costante che ormai i politici sono diventati, a loro insaputa, dei personaggi di un reality che, anche se non esiste come “format”, esiste di fatto. Sono infatti convinto che uno dei tanti motivi per cui in questo periodo risulti così difficile, per le parti politiche, collaborare tra loro sia anche da ricercarsi in questa estrema mediatizzazione che porta necessariamente i politici stessi a sentirsi di dover recitare una parte per il pubblico, formato tanto da elettori quanto da elettori potenziali; li porta cioè ad andare oltre, ad “esasperare i toni” di ogni discussione sperando magari di conquistarsi la benedizione del giornalista di turno.

Temo che tutto questo faccia dimenticare loro la cosa più importante: in una democrazia la scommessa è far coesistere più linee di pensiero e questo necessariamente richiede dialogo e compromessi. Sono fermamente convinto che la qualità di una democrazia si possa anche misurare attraverso i compromessi, dal momento che questi non sono altro che la manifestazione del rispetto che i cittadini dovrebbero provare l’uno per l’altro, indipendentemente dal “credo” politico di ognuno.

Annunci

Un pensiero su “La Politica come Reality

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...